domenica 9 febbraio 2014

Reagire assertivamente all'aggressività verbale

Cosa fai se qualcuno ti aggredisce verbalmente? Personalmente mi trovo sempre in grande difficoltà.  Non sono capace di reagire con altrettanta veemenza ma, nello stesso tempo, non voglio sentirmi sopraffatta. Dentro di me una vocina dice "reagisci" e un'altra risponde "è inutile, questa persona non si trova sul mio stesso piano, non possiamo capirci".
Ecco, il punto è proprio questo: non siamo sullo stesso piano. Non stiamo dialogando, è come se fossimo in due stanze diverse separate da una spessa parete di vetro. Ci vediamo ma non ci ascoltiamo.
Le tecniche di comunicazione assertiva insegnano a riportare sempre i rapporti "sullo stesso piano" e questo principio viene espresso con il concetto "io sono Ok-tu sei Ok".
Se veniamo verbalmente aggrediti o comunque messi in difficoltà, la persona che abbiamo di fronte sta affermando "io sono Ok-tu non sei Ok". Se non vogliamo permettere questa disparità dobbiamo imparare a rispondere con pacatezza e molta, molta concretezza alle accuse che ci vengono rivolte. Dobbiamo far capire a chi abbiamo di fronte che siamo sinceramente disponibili a valutare le sue accuse ma solo se sono fondate su fatti reali, dimostrabili.
Non è una tecnica facile da apprendere. Richiede determinazione e allenamento ma con un adeguato impegno i risultati non tardano ad arrivare e il premio sarà la nostra riconquistata serenità e la maggiore sicurezza nei rapporti con gli altri.

sabato 8 febbraio 2014

Il tuo primo amico ... sei tu!

L'autostima è la misurazione che ognuno di noi fa di sè stesso. 
Una sorta di bilancio, quindi, che deriva dalla conoscenza che abbiamo delle nostre caratteristiche alle quali annettiamo anche un "peso" in termini di valore.
L'assertività si fonda su una solida fiducia in sè stessi, intesa come capacità di valutare correttamente le proprie abilità e capacità e lavorare al miglioramento dei propri aspetti meno pregevoli.
Tutto ciò si consegue se ci consideriamo il nostro progetto più importante e se dedichiamo attenzione a noi stessi e alla creazione delle migliori condizioni di sviluppo della nostra personalità.
Un'intima conoscenza e consapevolezza del proprio valore - purchè fondata sulla realtà dei fatti - è necessaria per instaurare una corretta relazione con gli altri e comunicare senza fraintendimenti. Per ottenere questo risultato è utile ritagliarsi del tempo per riflettere su di noi, per "fare il punto" su obiettivi da perseguire e ideali/valori che ci caratterizzano: delle vere e proprie "riunioni con sè stessi".
In definitiva, se non piaci a te stesso sarà palese anche agli altri che difficilmente ti guarderanno in modo favorevole!